Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok

Cosa chiedere quando si visita una camera

  • Accertarsi sempre su chi sia la persona che vi sta mostrando l'appartamento. Ovviamente non è solo questione di sapere il nome della persona, ma quale ruolo ricopre: è il /la proprietario/a? Un inquilino? Un amico? E' una persona che lascerà l'appartamento o una delle persone con cui dovrai vivere? Chi sono gli altri compagni di appartamento? Lavorano/studiano e quanti anni hanno? Cosa studiano?
  • C'è un contratto? Evitare gli accordi verbali: oltre ad essere illegali perché il proprietario non pagherebbe le tasse, possono dare adito a fraintendimenti a causa della cattiva o non completa comprensione da parte di una delle due parti coinvolte (locatore /inquilino): per esempio agli studenti/docenti internazionali possono sfuggire delle richieste del proprietario (la camera potrebbe essere affittata per 12 mesi mentre lo studente/docente resterà a Bologna solo 6 mesi). Chiedere sempre di avere una ricevuta scritta dei pagamenti effettuati. È sempre bene avere anche un amico presente alle transazioni.
  • Chiarire sin da principio quanto tempo si intende rimanere nell'appartamento (vedi sopra) visto che di fatto il periodo di permanenza di molti studenti/docenti internazionali può causare dei problemi ai locatori, soprattutto se le camere restano vuote in periodi in cui la richiesta di alloggio è particolarmente bassa (a gennaio, novembre, dicembre e da marzo a luglio). Inoltre è importantissimo informarsi su quale tipo di preavviso è richiesto se si desidera lasciare l'appartamento prima del previsto (problemi con i compagni di appartamento, ecc.) e quali sono le condizioni (a volte viene richiesto di trovare un sostituto prima che il deposito sia restituito). Nei contratti regolari la legge prevede da 3 (contratto transitorio per studenti universitari) a 6 mesi di preavviso (contratto libero) da parte dell'inquilino.
  • Informarsi su quanto si deve pagare ogni mese per le spese (elettricità, gas, acqua, ecc.). Purtroppo pochi hanno idee chiare in proposito, perciò è consigliabile eseguire la lettura dei contatori sia quando si entra sia quando si lascia l'alloggio. Il sistema delle bollette in Italia è piuttosto complicato e a volte può causare problemi nei calcoli di pagamento. La conoscenza della lettura dei contatori può agevolare questa procedura.
  • Informarsi sul tipo di riscaldamento. Bologna è una città piuttosto fredda d'inverno, per cui il costo del riscaldamento è una delle spese maggiori da affrontare, e può variare a seconda del sistema di riscaldamento (centralizzato o indipendente).
  • Cauzione. Quali sono le modalità di restituzione? Bisogna trovare un sostituto quando si lascia l'appartamento? Bisogna essere molto chiari su questo argomento perché la maggior parte dei contratti di affitto copre i mesi estivi, e dunque gli studenti/docenti devono pagare anche durante quel periodo. Se si parte in maggio/giugno/luglio bisogna tenere presente che potrebbe non essere facile trovare qualcuno che subentri al proprio posto perché in questo poiché l'offerta sarà superiore alla domanda. Se viene trattenuta una quota per qualsiasi motivo (danni, spese non pagate, eccetera) chiedere sempre le prove delle spese sostenute (fatture, scontrini, bollette, eccetera).
  • Assicurarsi sempre di aver capito bene chi sarà a dover prendere una decisione sulla camera, se si potrà decidere autonomamente o se ci sarà una sorta di selezione tra gli tutti studenti che stanno visitando l’appartamento e quali sono i tempi di attesa prima che una decisione venga presa. Gli studenti sono molto selettivi perché vogliono scegliere la persona giusta con la quale vivere e alcuni possono anche impiegarci una settimana prima di far sapere quale sia loro “candidato” ideale. In casi del genere non bisogna perdere tempo e speranze aspettando una  telefonata, ma continuare a cercare delle soluzioni alternative sino a quando non si sarà sicuri di avere una camera.
  • Appena visto un appartamento, è consigliabile fare un appunto sugli aspetti positivi e negativi del posto che visionato e delle persone incontrate; considerare anche il tempo che ci si impiega per raggiungerlo dal centro città. Questo può servire per prendere una decisione. Fare attenzione anche all'atmosfera generale che si respira nell'appartamento: i rapporti che si instaurano tra i coinquilini sono sono importanti quanto la bellezza dell'appartamento.